Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Populismo non significa nulla. Appunti di campagna elettorale.

La nostra politica è malata di interpretazione. Saranno gli editoriali, la tendenza alla glossa propria della società della comunicazione e dei suoi strumenti, sarà la noia, il caldo. Sarà stato Renzi, Salvini, la TV o Gramellini. La realtà scompare. Si sorride davanti alla proposta di Berlusconi di aggiungere 1.000 euro di pensione a tutti e di piantare un milione di alberi, specie se uno ricorda che è la stessa proposta di vent'anni fa a cui è stata aggiunta la quota sostenibilità (Silvio, questo è greenwashing - Silvio agli anziani i soldi ai giovani gli alberi?). Si può tremare - e tanti ragazzi e ragazze della mie età lo fanno - davanti alla prospettiva di vincita di un partito di estrema destra come Fratelli d'Italia. Oltre la risata e la paura - non si riesce a penetrare nel significato delle parole della politica, non si riesce a comprendere la posizione opposta, ci si posiziona per identità - tutte cose note. La stessa crisi di governo delle ultime settimane conferma l

Ultimi post

Domani nella battaglia pensa a me - situazione e memoria

I cristiani davanti al baratro.

Non capire nulla dell'arte contemporanea

L'Europa, la pace, la guerra spiegate a mio figlio

Mahmood e Blanco cantano l'amore impossibile e inevitabile

Il mare davanti ai vent'anni

La Verna. Un nocciolo di silenzio.

La Città: le sue voci, la sua metrica, il suo sogno.

Appunti dalla Peste. Non abbiamo sperato.

Marginalia. "La prospettiva rovesciata" di P. A. Florenskij

La liberazione dei futuri. 25 Aprile.